MONZA

SABATO
25 MAGGIO 2019

ACQUISTA BIGLIETTI

MONZA

SABATO
25 MAGGIO 2019

ACQUISTA BIGLIETTI
Oktagon - Home Page Oktagon - Home Page
IL PIÙ GRANDE SHOW MONDIALE DI KICKBOXING

MONZA

SABATO
25 MAGGIO 2019

ACQUISTA BIGLIETTI
 
     
 
 

maurizio d'aloia-3-7731.jpg

UN UOMO BUONO.

UN UOMO BUONO.

18 febbraio 2019

Era uno di noi…

Un maestro di sport da combattimento…

Una persona che viveva per ciò che amava…

Un uomo in grado di realizzare il suo sogno, e riuscire a vivere del proprio Sport.

 

Non insegnava in una grande città, ma aveva centinaia di allievi al suo seguito.

Non si era limitato allo studio di una sola disciplina, ma si era sempre spinto oltre, appassionandosi negli di Mixed Martial Arts, Kickboxing e negli ultimi tempi anche di Pugilato.

Non disponeva di grandi risorse finanziarie, ma era riuscito a creare una scuola di vita e sport a Pescara, forgiando negli anni campioni nazionali e internazionali nelle vari discipline, con un team al seguito di 10 pro e oltre 40 agonisti (Miriam Vivarini, Federica Sbaraglia, Manuel Ferro, Aldo Cirillo, Davide Di Deo, Mattia Buccella, Marcelo Gonzalez, Alice Narducci, Antonio Battistessa, Remo Ioannoni).

Non era una persona che amava apparire, ma era entrato nel cuore di tanta gente e tanti colleghi.

 

Di lui si parlava per i risultati dei suoi ragazzi alle gare ed era diventato un punto di riferimento per le MMA e il FIGHT CODE in Abruzzo.

Erano le MMA la sua passione, dopo un piccolo bambino di 4 anni e una moglie che adorava.

Si chiamava Maurizio D’Aloia e insegnava al Fight Clubbing di Pescara, di cui era co-fondatore.

Della sua grandezza d’animo ci si è accorti realmente quando un maledetto coma ce lo ha portato via.

 

Una moltitudine di persone si è riversata in strada per il suo funerale, come neppure per un capo di stato.

I giornali hanno titolato la prima pagina con sua scomparsa.

I social media sono stati invasi di post e ricordi.

I suoi allievi si sono presentati per l’ultimo saluto in divisa della loro scuola.

Persino i concorrenti sono venuti a salutarlo.

Non esagero nel dire che l’Italia degli S.d.C si è unita e commossa per la dipartita di Maurizio.

Ora però resta di lui un bimbo di 4 anni, orfano di padre e una vedova, ora mamma sola…

 

Tutti sappiamo che nel nostro sport non esiste pensione e che ce la dobbiamo sempre cavare da soli.

Bene Amici, è ora che una volta ancora, e non più sotto la spinta emozionale del momento, ci uniamo tutti per aiutare il piccolo D’Aloia.

Lo merita la storia del padre, lo merita la madre rimasta sola, ma lo dobbiamo fare per noi.

Perché la bontà va ripagata.

La bontà di questo grande maestro di Pescara che nella morte ha ancora una volta dimostrato la sua grandezza donando gli organi che hanno consentito a ben 3 persone di continuare a vivere.

Ecco perché ritengo che una donazione alla famiglia D’Aloia sia un atto di giustizia contro una natura beffarda che in un attimo ce lo ha portato via.

 

OSS MAESTRO D’ALOIA.

 

I dati per la donazione sono i seguenti:

https://www.facebook.com/donate/419390445300525/10218362007432734/

Categoria: Oktagon - Notizie




TIENI ALTA LA GUARDIA E SEGUICI