FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI

FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI
Oktagon - Home Page Oktagon - Home Page
IL PIÙ GRANDE SHOW MONDIALE DI KICKBOXING

FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI
 
     
 
 

MAYWEATHER VS MCGREGOR: “SHOW ME THE MONEY!”

Di Carlo Di Blasi

16 giugno 2017

La frase nel titolo fu il tormentone del famoso film “Jerry McGuire” con Tom Cruise e Cuba Gooding Jr che interpretavano rispettivamente agente e giocatore di football americano.
La frase ripetuta più volte da Cuba era rivolta a Cruise per fargli firmare un contratto milionario.
Bene, questa frase sembra essere stata la frase ripetuta più volte dagli interpreti della vicenda del match del secolo tra la superstar delle MMA Conor McGregor e il campione del mondo di boxe Floyd Mayweather, perché questo evento non è come qualcuno cerca di far credere una sfida tra stili di combattimento, a cui i puristi di entrambe le discipline gridano allo scandalo, bensì la più gigantesca operazione mediatica e commerciale sportiva degli ultimi anni che coinvolge pugilato ed MMA e che sono destinati a beneficiarne in eguale misura.

I FATTI.
Prima però di entrare nel vivo vediamo i fatti in pillole:

- i soldi in palio sono 175 milioni di dollari, 100 per Mayweather 75 per McGregor (al lordo di quando dovrà dara alla sua organizzazione di MMA di pertinenza che lo ha sotto contratto);

- le scommesse:
William Hill da
1,08 Floyd vincente
7 Conor vincente
26 il pareggio.

Bookmakers privati a Las Vegas pare diano invece 25-1!!! Floyd vincente;

- l’età: Floyd ha 40 anni contro i 29 di Conor il 14 luglio prossimo;

- i match: 49 vinti di seguito da Mayweather mentre McGregor registra 21 vittorie (18 per KO, 1 per sottomissione) e 3 sconfitte;

- previsioni di ingaggio. I dati si basano sul precedente Mayweather vs Pacquiao che incassò 520 milioni di USD in pay per view con oltre 4 milioni e 400.000 spettatori, mentre in sala ci sono stati 16.500 spettatori paganti alla MGM Arena con un incasso di circa 72 milioni di USD. Mayweather incassò 180 milioni di USD e Pacquiao 120 milioni di USD. Le previsioni dicono che in questo caso potrebbero raddoppiare i numeri dei dollari incassati; 

- l’evento sarà trasmesso in 175 paesi come fu per Mayweather vs Pacquiao. Interessante capire chi lo possa trasmettere in Italia.
Temo che Rai e Mediaset non saranno della partita. I possibili contenders potrebbero essere Sky Sport o più probabilmente un outsider, come fu nel passato per DJ TV che trasmise Mayweather vs Pacquiao, che con 1 match potrà lanciare il suo canale con numeri esplosivi.

 

E QUINDI?
Dunque abbiamo un match indubbiamente “freak” tra due leggende: una della storica boxe e una delle emergenti MMA, un monte di denaro in palio e due chiacchieroni impareggiabili promotori di loro stessi.
Insomma manca solo il sesso e poi ci sono tutti gli elementi per un grande show TV.
Ma l’elemento primario di questo evento  è la chiave del successo dello show ma anche per il futuro di questi sport.

 

2 MONDI A CONFRONTO.
Il pubblico di boxe ed MMA non corrispondono né per età né per abitudini.
Gli amanti della boxe sono di età compresa dai 40 anni in su ,per la maggior parte, con l’abitudine a guardare lo sport in TV, i fans delle MMA sono molto più giovani con una netta propensione per guardare Youtube e ogni evento in streaming: è la “Web generation” che si contrappone alla “TV elephant people”.
Questi rappresenteranno la base degli spettatori del match del secolo,  a cui si aggiungeranno in maniera trasversale i “turisti del video” cioè la gran massa di coloro i quali viaggiano da un canale all’altro senza particolare interesse per il programma specifico in oggetto ma che ,attratti dal gran clamore quel match, lo vedranno.
Ecco perché i numeri di Klitcko vs Joshua saranno polverizzati…
Quest'ultimo match (a mio parere il vero match del secolo, dal punto di vista sportivo) è stato seguito primariamente dagli appassionati di pugilato che finalmente vedevano in quel combattimento il risveglio della boxe in un sussulto di orgoglio che ha dimostrato che il pubblico del pugilato c’è, quando sul ring si confrontano grandi campioni.

 

BOXE VS MMA? NO BOXE & MMA.
Sarà quindi un confronto tra stili di combattimento? Assolutamente no, perché saranno due uomini in uno stesso sport  ad affrontarsi.
Caso mai sarà interessante seguire tutta la promozione dell’evento che accenderà l’interesse del pubblico sulle discipline dell’uno e dell’altro, facendole scoprire anche a chi non ne mastica assolutamente.
Ed in questo la vittoria dell’uno o dell’altro non conta.
Conta che per mesi non si parlerà d’altro nel mondo. Ma in Italia?

“L’ITALIA S’E’ DESTA…” TRA UN PO’.
A leggere la “gazza” oggi ci sarebbe da piangere… soliti errori (l’ottagono chiamato esagono) e piccolo spazio rispetto ad un match di boxe nazionale gratificato con pagina intera...
Non parliamo poi di Donnarumma che imperversa…
Ma nella settimana del match vedrete come si sveglieranno anche le testate nazionali classiche.
Non fu così anche quando scoprirono Giorgio Petrosyan dopo il primo K 1 World max vinto?
Vinse il lunedì e gli articoli uscirono il giovedì… ma uscirono!
Bene vedrete: dopo un silenzio prolungato ad agosto ci sarà il risveglio e di nuovo tutti ne beneficeranno: MMA, Boxe e persino eventi futuri.

BELLATOR & C.
Ebbene sì amici, l’attenzione che obbligherà i cronisti a leggersi perlomeno il significato dell’acronimo M.M.A. li porterà a scoprire che 1 milione e 700 mila italiani praticano sport da combattimento e arti marziali (fonti Decathlon).
Li porterà a scoprire che in Italia ci sono atleti che combattono all’estero , proprio nel circuito di McGregor , e in Italia c’è la promotion Bellator che imperversa , la cui star assoluta è Alessio Sakara e che sabato 9 dicembre disputerà il titolo mondiale a Firenze a Oktagon Bellator, lo show che l’anno scorso si svolse a porte chiuse per il sold out del Mandela Forum.

SI ALZA L'ONDA: E' TEMPO DI SURFARE!
Insomma il match Mayweather vs McGregor sarà la luce che si accende sul nostro mondo sotterraneo ai più ed ai media tradizionali.
L’occasione ci è data, ora sta a noi cavalcare l’onda e surfare su un  successo mediatico mondiale annunciato, facciamo si che a vincere sia anche la nostra Italia degli sport da combattimento.


Carlo Di Blasi

P.S. come avrete notato non ho scritto alcuna nota tecnico-sportiva sul giovane mancino McGregor contro il quarantenne pugile Mayweather perché ritengo la parte sportiva secondaria rispetto al fenomeno di costume.
Resto però tecnico per cui rimando a prossima data “il mio personale cartellino”.

 

 

Categoria: Oktagon - Notizie




TIENI ALTA LA GUARDIA E SEGUICI