FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI

FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI
Oktagon - Home Page Oktagon - Home Page
IL PIÙ GRANDE SHOW MONDIALE DI KICKBOXING

FIRENZE

SABATO
9 DICEMBRE 2017

ACQUISTA BIGLIETTI
 
     
 
 

Il M° Italo Manusardi

ADDIO PAPA MANUS.

20 maggio 2016

Era il 1980 quando entravo nella vecchia palestra Ercole di Milano sui navigli dove un uomo orgoglioso insegnava quella disciplina che tanto successo ebbe in quel periodo: la savate.
Era Italo Manusardi, il Maestro per tutti , ma per noi suoi allievi diretti  “Papa Manus”.
Universitari, tassisti, operai, potevi trovare di tutto alla palestra di Nazario Grifa, il proprietario , un toscanaccio pugile con cui Manus ci faceva scambiare (o per meglio dire prendere botte) tutti i ragazzetti che avevano la ventura di calcare quel ring ad una corda in cui erano “mazzate tribali” tutte le sere dalle h 20.00 alle h 22.00 (sforavamo sempre di mezza ora ogni volta e come ci urlava dietro Manus). 
Questa frase, che io tante volte ho ripetuto nei miei commenti, è in realtà copyright del Maestro Manusardi che la scrisse una volta in un suo articolo parlando del full contact, che allora iniziava e che lui, detestava con tutte le sue forze.
Da lui andavano tanti, tutti i savateurs lombardi di allora in eterna competizione con i colleghi liguri del Maestro Messina.
Con lui avevano imparato in tempi diversi Jacopo Nardi, Emanuele Besana, Benedetto Tusa, Lino Guaglianone, Demetrio Larini, Simone Reggiori, Stefano Sirtori, Stefano Gennaccari, Andrea Baldo, Massimo Scagliotti, il sottoscritto  e tanti tanti ancora.
Suo figlio Renato si spostò in Puglia per un periodo dove lanciò la savate, mentre suo nipote Lorenzo Ravazzani Manusardi continua la sua opera a Milano portando avanti la sua scuola d’arme insegnando scherma, canne e baton.
Furono anni di grandi speranze e anche di grandi illusioni.
Nelle trasferte in Francia ed in Belgio si parlava di savate alle olimpiadi e di tante altre cose che non accaddero mai.
A Milano il derby era quando i savateurs di Manus si scontravano con quelli della Doria di Rino Leurini, o del CSB di Miki Fregona, Guido Zanini e Emilio Tizzoni.
Poi arrivarono le altre discipline e lentamente l’interesse dei ragazzi si rivolse altrove.
Ma il maestro resisteva con la sua Ecole National de Boxe Française (ENBF) insegnando le armi della savate: canne e baton.
Oggi il maestro Manusardi si è spento e sta probabilmente discutendo con il Maestro Messina, il presidente Ubaldo Paschini e il M° Rino Leurini, cazziando Jacopo Nardi e tutti gli altri allievi già volati via prematuramente.
Proprio con Jacopo Nardi lo vidi l’ultima volta al famoso Savate Day del 2014 che organizzammo per il rilancio della savate e festeggiare con il guanto d’oro i nostri tre più grandi campioni viventi: Marco Nocentini, Franco Roasio e lo stesso Jack.

Salute a te Maestro Manusardi, non dimentichero' mai che grazie a te ho scoperto un mondo fantastico che ha cambiato la vita di tanti di noi. 
Carlo Di Blasi 

Categoria: Oktagon - Notizie




TIENI ALTA LA GUARDIA E SEGUICI